SKIN_BACK_ALL
“Ragazzi permale”: il 22 maggio WeFree porta lo spettacolo teatrale alla Candy Arena
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin

Ragazzi permale” è lo spettacolo, promosso dal Consorzio Vero Volley e ideato e realizzato da WeFree, il progetto di prevenzione della Comunità di San Patrignano, che andrà in scena il prossimo mercoledì 22 maggio alle ore 20.30 alla Candy Arena di Monza.

Sarà una serata quasi a metà strada tra inchiesta, rappresentazione teatrale, talk show e programma televisivo. Ragazzi che parlano ad altri ragazzi, canzoni e parole, spettacolo e talk show, una ricetta semplice per parlare insieme di droga da una prospettiva diversa e insolita: quella di chi il problema l’ha conosciuto vivendolo in prima persona. Dunque non professori, “grilli parlanti” o maestri di vita ma solo voci e parole per raccontare delle storie vere…

Per registrarti e partecipare gratuitamente allo spettacolo CLICCA QUI, riceverai la conferma alla tua prenotazione e potrai scaricare la tua conferma elettronica di iscrizione per l’accesso alla Candy Arena in occasione dello spettacolo. L’evento sarà ripreso da telecamere e fotografi per l’utilizzo delle immagini legato alla produzione di materiali di comunicazione sulla serata. Lo spettacolo sarà condotto dall’attore romano Francesco Apolloni; con il progetto WeFree la Comunità ogni anno riesce a raggiungere circa 50mila ragazzi in tutta Italia.

LO SPETTACOLO

Viviamo in una società in cui le sostanze stupefacenti sono spesso vissute e percepite non come pericolose o dannose, ma come semplici beni di consumo. “Ragazzi Permale” è proprio di questo che si occupa. Di comportamenti a rischio e delle mille sfaccettature legate al disagio giovanile ed al consumo di droghe. E lo fa attraverso il racconto di storie vere.
Protagonisti sono giovani tra i 18 e i 25 anni, provenienti dalla Comunità di San Patrignano, che hanno vissuto e superato il problema della tossicodipendenza e che possono offrire ai loro coetanei una testimonianza delle motivazioni che li hanno spinti ad assumere sostanze e delle difficoltà di reinserirsi, una volta recuperati, nella società.

Condividi la notizia!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin