SKIN_BACK_ALL
Grandi emozioni a Trento per il “Boom del volley femminile”
festival dello sport
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin

Grandi emozioni a Trento per il Boom del volley femminile
Al Teatro Sociale il presidente del Consorzio Vero Volley e la centrale della Saugella Monza Anna Danesi protagoniste

Mattinata ricca di ricordi, emozioni e approfondimenti sul mondo della pallavolo rosa nazionale quella andata in scena al Teatro Sociale di Trento in occasione del “Festival dello Sport”, manifestazione organizzata da La Gazzetta dello Sport. Anna Danesi, centrale della Saugella Monza, insieme alle giocatrici di Conegliano e compagne della Nazionale femminile Miriam Sylla e Paola Egonu e del CT azzurro, Davide Mazzanti, sono stati protagonisti sul palco dell’evento “Il Boom del Volley Femminile”, davanti ad una nutrita presenza di spettatori in sala. L’Argento conquistato al Mondiale 2018 e il Bronzo all’Europeo di qualche mese fa, ma non solo. Cosa vuol dire essere un atleta dentro e fuori il campo, il rapporto con i social e le ambizioni future. Momenti di domande da parte di piccole giocatrici di volley, curiosità dunque, con uno sguardo alla pallavolo del futuro, nello specifico ai prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Ad intervenire durante l’evento, per parlare della ribalta del volley nazionale femminile, anche il presidente del Consorzio Vero Volley, Alessandra Marzari, che ha tracciato un bilancio sulla crescita della pallavolo rosa negli anni anche e non solo per i Club. “Il nostro è il secondo sport in Italia per numero di tesserati – ha dichiarato la numero uno di casa Vero Volley -. Un movimento straordinario, corredato dai risultati della Nazionale e dei Club di Serie A: una catena unica che abbiamo l’obiettivo di tenere ben salda. L’attività sportiva, come hanno ricordato le ragazze, è qualcosa di speciale, come il volley femminile: un’opportunità straordinaria. Questo sport può essere vantaggioso davvero per tutti, dalle categorie inferiori alla massima serie: un aspetto fondamentale che rende il nostro movimento unico”.

Condividi la notizia!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin