SKIN_BACK_ALL
Body percussion, al via il progetto con le squadre giovanili
logo cultura sportiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin

Il Consorzio Vero Volley ha deciso di regalare alle sue squadre giovanili un progetto tutto nuovo: la body percussion!

Il progetto – tenuto dallo specialista Anselmo Luisi – prevede due impegni annuali calendarizzati, per un’ora e mezza circa ad incontro, in gruppi composti da 30/40 atleti.

Che cos’è la body percussion?
La body percussion (o percussione corporea) è una pratica che consiste nel fare musica utilizzando il proprio corpo come strumento musicale. E’ una tecnica facile da apprendere e per essere praticata non richiede altro che un corpo. Schiocchi di dita, battiti di mani e piedi, battiti sul petto; questi sono solo alcuni dei suoni che si possono produrre con la percussione corporea.

Cosa serve per imparare la body percussion?
E’ sufficiente avere un corpo. Non serve avere già avuto un’educazione musicale e non è necessario saper già suonare uno strumento.

Perché è utile apprendere la body percussion?
Alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato i risultati positivi che derivano dall’apprendimento di uno strumento musicale. Lo studio della musica aumenta la capacità di concentrazione e rafforza la connessione tra i due emisferi del cervello; quello sinistro, responsabile della gestione dei processi logici e razionali, e quello destro, responsabile della gestione dei processi emotivi. Nel caso specifico la body percussion ha il vantaggio di essere una tecnica divertente e molto versatile: rafforza la coordinazione e la consapevolezza ritmica, può essere praticata ovunque (a differenza di altri strumenti musicali più ingombranti o difficilmente trasportabili), può essere utilizzata in performance individuali e collettive.

La pratica collettiva della body percussion è inoltre una forte esperienza di gruppo in grado di unire persone e percorsi diversi; è un mezzo di conoscenza degli altri tramite l’ascolto ed è un mezzo per rafforzare la consapevolezza di se e del proprio corpo.

Ecco alcuni degli esercizi che verranno svolti durante il laboratorio:
– tecniche percussive di base
– coordinazione ritmica
– allenamento dell’ascolto
– suono e movimento
– giochi musicali di gruppo
– improvvisazione individuale e collettiva
– grooves di diversi stili di body percussion (Stomp, Barbatuques..)
– brevi coreografie di body percussion

SPECIALISTA: Anselmo Luisi è diplomato in percussioni classiche al Conservatorio di Trieste e in Batteria Jazz alle Scuole Civiche di Milano. Come batterista e percussionista si è esibito in Italia, Francia, Germania, Austria, Svizzera, Spagna, Slovenia, Croazia, Serbia, Kosovo, Marocco e Cina. Ha suonato e collaborato con diversi musicisti tra cui: Le luci della centrale elettrica, i Selton, i Virtuosi del Carso (band di Paolo Rossi), Giovanni Falzone.

Si è formato con alcuni tra i migliori insegnanti di body percussion a livello internazionale (Keith Terry, Fernando Barba, Charles Raszl, Peter Stavrum, Leela Petronio, Jep Melendez) con diversi approcci didattici (Stomp – scuola inglese, Barbatuques – scuola e tecnica brasiliana). Da anni svolge attività didattica promuovendo corsi e seminari in Italia, in Germania, in Croazia, in Cina ed in Marocco.

Ha insegnato percussione corporea in diverse scuole di teatro, di danza e musical in Italia assieme a Daniel Plentz ed in Cina al Contemporary Music Institutedi Zhuhai. Attualmente è docente di batteria alla scuola Ottava Nota di Milano, è docente di musica e body percussion all’Atelier Teatro Fisico di Philip Radice a Torino e alla scuola di musicoterapia Adifamily a Monza.

Condividi la notizia!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin