SKIN_BACK_ALL
La pallavolo provinciale e regionale si ferma fino al 6 novembre: Regione Lombardia e Fipav sospendono tutte le attività
FINALI SAMSUNG GALXY A COPPA ITALIA 2018-2019
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin

Il comitato lombardo della Federazione Italiana Pallavolo, recependo le indicazioni dell’ordinanza numero 620 della Regione Lombardia del 16 ottobre 2020, ha confermato che dal 17 ottobre al 6 novembre compresi sono sospese tutte le attività, anche di allenamento non individuale, delle formazioni partecipanti ai campionati regionali, provinciali e del settore giovanile.

E’ consentita soltanto l’attività delle squadre iscritte ai campionati nazionali maschili di SuperLega, serie A2, serie A3, serie B e ai campionati nazionali femminili di serie A1, serie A2, serie B1 e serie B2 (nel rispetto delle normative nazionali e locali in vigore, oltre che dei protocolli per lo svolgimento dell’attività sportiva emanati dalla Fipav).

Sono sospese, invece, fino al 6 novembre tutte le attività, compresi gli allenamenti non in forma individuale, delle squadre, sia maschili che femminili iscritte ai campionati regionali di serie C e serie D, oltre che di quelle partecipanti ai campionati territoriali di Prima, Seconda e Terza divisione e delle formazioni iscritte ai campionati di categoria.

Questo, nel dettaglio, l’articolo 1.3 dell’Ordinanza 620 della Regione Lombardia che ordina la “sospensione degli sport di contatto dilettantistici a livello regionale e locale. Sono sospese tutte le gare, le competizioni e le altre attività, anche di allenamento, degli sport di contatto, come individuati con provvedimento del Ministro dello Sport del 13 ottobre 2020, svolti a livello regionale o locale ‒ sia agonistico che di base – dalle associazioni e società dilettantistiche”.

Le indicazioni si applicano alle attività di tutte le società.

Anche il Consorzio Vero Volley, nonostante tutti gli sforzi fatti e la passione messa per rendere possibile lo svolgimento della propria proposta nel massimo rispetto delle necessarie norme di sicurezza, non può fare altro che prendere atto di questo provvedimento nella speranza che si possa, presto, tornare ad allenarsi tutti insieme.

Condividi la notizia!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin