Il Master in Sport Design & Management del Politecnico di Milano ha ospitato Gennari e Galassi
galassi gennari politecnico

Alessia Gennari e Gianluca Galassi hanno partecipato lunedì 6 dicembre a una lezione del Master in Sport Design & Management organizzato dal Politecnico di Milano, in partnership con il MIP School of Management.

La lezione (per l’occasione organizzata in formato digitale) ha visto la partecipazione di 20 ragazzi, tra cui 3 internazionali; gli studenti hanno potuto ascoltare gli interventi dei due giocatori che hanno approfondito temi su infrastrutture sportive, innovazione e periodo post-Covid. Ecco di seguito il pensiero dei due atleti:

1. Quali sono le tue aspettative circa le infrastrutture sportive?
Gennari
Occorre fare una distinzione tra i palazzetti in trasferta e in casa. In trasferta la prima cosa che guardo quando entro è se c’è il bar per mangiare uno snack, quando si arriva si ha sempre fame, poi ovviamente lo spogliatoio se è grande a sufficienza e se è pulito. Poi il campo, in particolare la distanza tra campo e tribuna e le luci, se il campo è ben illuminato. In casa la cosa fondamentale è la sala pesi adiacente al campo: scaldarsi prima dell’allenamento e fare una seduta pesi dopo la seduta di palla è molto importante, è altresì fondamentale potersi allenare nello stesso campo dove poi si gioca“.

2. Avete qualche racconto di esperienze vissute circa palazzetti e strutture?
Gennari
Quando ero in nazionale Under23 ho visitato i palazzetti dei college USA (Kansas, Oklaoma), strutture impressionanti per grandezza, futuristiche con sale pesi con servizi e tecnologia come tablet vicino al castello dello squat per misurare velocità della spinta, un cesto di frutta fresca e secca in ogni stanza dedicata agli atleti.
Ho dei bei ricordi anche in Serbia, a Belgrado, dove abbiamo giocato la parte finale degli europei con palazzetto da 23.000 posti; col Vakifbank a Instanbul, sono stata in un palazzetto costruito su 4 livelli, una vera cittadella dello sport con campi da gioco secondari e tutta la struttura per il giovanile all’interno, compresa la foresteria e alloggi per dormire“.

Galassi
Il palazzetto di Tokio alle Olimpiadi: era nuovissimo! Bello per la forma e la sistemazione dei posti, da ogni posto si poteva vedere bene peccato che fosse senza pubblico per il Covid; offriva due campi da gioco per allenarsi e riscaldarsi prima di entrare nel campo centrale. Lì purtroppo non c’era la sala pesi ma è senza dubbio uno dei migliori palazzetti in cui ho giocato“.

3. Come giudicate la presenza di Cubo, Led, Videowall e animazioni durante le partite?
Gennari
A dire la verità nel femminile ci sono pochissime strutture che hanno un cubo centrale, oltre all’Arena di Monza dove giochiamo, c’è a Conegliano al Palaverde. A me piace perché ricorda l’intrattenimento del basket, ci eleva il livello. Se è alla giusta altezza non da fastidio. In più all’Arena di Monza c’è una bella atmosfera all’ingresso in campo quando veniamo presentate con il nostro video, si spengono le luci e si riaccendono all’inizio della gara. Ci siamo evoluti come pallavolo, rispetto a 4-5 anni fa che eravamo basici: animazione e intrattenimento sono il futuro per il nostro sport e fanno sentire i fan sempre più vicini a noi atlete”.

Galassi
Anche nel maschile oltre all’Arena di Monza c’è solo l’Allianz Cloud con il cubo centrale. Io e i compagni durante la partita siamo concentrati e a testa bassa, come in una bolla agonistica, alzo la testa al videowall solo nei momenti di videocheck. Ci sono tanti tempi morti e poter usufruire di superfici digitali, con animazioni e replay può creare una bella esperienza per gli spettatori“.

4. Come giudicate l’Arena di Monza?
Gennari
L’Arena di Monza ha il vantaggio di avere la sala pesi attigua nonché di poter ricavare tre campi, il centrale dove si provano gli schemi gioco, e due laterali dove ci si può allenare sui fondamentali o su lavori individuali.
E’ un’Arena sempre pulita e luminosa e ha anche un Bar molto fornito, che è stato chiamato “PASTE!” che, per chi non lo sapesse, è la penitenza di noi atleti in caso di battuta sotto la rete: il giorno dopo si è soliti offrire le paste ai compagni/compagne e allo staff. E’ importante per noi allenarci nel campo dove giochiamo, non come altre squadre che si allenano e giocano in strutture diverse (es. Casalmaggiore): sono piccole cose ma ad alti livelli fanno la differenza“.

5. Quanta importanza c’è nel far parte di una società managerializzata?
Gennari
Non è un caso se Vero Volley è una case history e siamo qui a parlarne a un Master! E’ la migliore società da questo punto di vista. Noi atlete ci rendiamo conto di quello che succede dietro le quinte, specialmente le attività di marketing e comunicazione che sono ben strutturate: quest’anno ad esempio c’è il tema dei superpoteri e dei supereroi, che è ben chiaro sia sul design delle magliette sia nelle azioni di comunicazione e attivazioni con i fan che vengono fatte. E’ bello far parte di un realtà molto attiva anche sui social che riesce a coinvolgere il fan non solo super-appassionato di volley ma anche semplice spettatore sportivo. Una società di volley managerializzata è il futuro, la Presidente ci investe molto tempo, energia e risorse, specialmente nel marketing e nell’innovazione!“.

Galassi
Vero Volley è incredibile: io sono qui da 3 anni e ancora oggi ogni tanto scopro persone che lavorano dietro le quinte senza averli ancora conosciuti. Soprattutto è importante vedere il gran lavoro che viene fatto con il settore giovanile in forte crescita non solo a livello agonistico ma anche valoriale: ad esempio c’è una squadra con persone con disabilità, i “No Limits”, che si allenano spesso nel campo vicino al nostro. Vero Volley non vuole essere solo una squadra ma un’azienda che lavora nella città di Monza e nella Brianza, dove c’è un grandissimo bacino di utenza. C’è ancora tanto da fare ma penso che siamo sulla strada giusta“.

6. Qual è il tuo rapporto con i social network?
Gennari
Il rapporto con i fan è fondamentale e fa parte del nostro lavoro: firmare autografi, ora contingentato con i limiti del Covid, mi gratifica. E’ tema delicato forse per le donne ancora di più che per gli uomini: i social hanno annullato la distanza tra atleta e fan, nel bene e nel male, chiunque può scrivermi in privato. E’ bello per i fan ma è impegnativo per noi: io onestamente so che va curato questo aspetto però magari mi dimentico il giorno prima di segnalare la partita, ho quindi persone che gestiscono il mio profilo pubblicando foto e aggiornando quello che faccio da un punto di vista sportivo. L’altro aspetto è l’interazione con i fan: ormai ho imparato a capire messaggi a cui rispondere e messaggi a cui non rispondere“.

Galassi
Mi piace utilizzarli, Facebook meno Instagram di più, cerco di postare foto nel tempo libero o quando c’è qualcosa di importante. Mi piace molto rispondere sui social ai fan che vengono in Arena a vedere la partita e magari poi mi scrivono per commentarla, per sapere che aria si vive nello spogliatoio dopo una sconfitta oppure dopo una vittoria, nonché per dare suggerimenti o apprezzamenti. Dopo l’esperienza a Tokio io come altri della Nazionale siamo stati anche subissati di epiteti non proprio felicissimi: siamo passati da campioni a brocchi…per non dire di peggio“.

7. Il Covid come ha cambiato la tua vita?
Gennari
Ora che siamo tornati alla quasi normalità con pubblico ai palazzetti ci chiediamo spesso come è stato possibile giocare senza pubblico, sembravano partite amichevoli o allenamenti. E’ stato brutto e triste, io ho sofferto tantissimo. Il pubblico dà qualcosa in più è la nostra benzina, è bello sentire il calore del pubblico. E’ già tanto che siamo riusciti a concludere il campionato! Ora speriamo che si arrivi più velocemente possibile al 100% di capienza. E’ stato difficoltoso anche per i viaggi, ad esempio non ci si poteva fermare a fare sosta in autostrada e in realtà è in parte tuttora così”.
Galassi
Si sentivano anche rumori e voci che normalmente non si sentono perché coperti dallo speaker, dalla musica e dall’atmosfera dei palazzetti. Da parte nostra devo essere sincero non è stato facile adattarsi: ad esempio è stato scelto di usare il pullman (9 ore) per la trasferta di CEV Cup a Zagabria, per evitare gli aeroporti nonché si è dovuta prestare molta attenzione negli hotel e al palazzetto visto l’aumento dei contagi in quel Paese… anche se c’erano tre quarti delle persone al palazzetto senza mascherina. Sappiamo bene cosa vuol dire evitare i contagi, l’anno scorso è purtroppo scoppiato un cluster di Covid in squadra, con tutte le conseguenze del caso”.

8. C’è differenza culturale tra la visione dello sport in Italia e in altri Paesi?
Galassi
In Italia siamo tutti per il calcio. In Rep Ceca per l’hokey, in Polonia invece il volley è sport nazionale: lì ad esempio impazziscono per Leon e Kurek e anche il tifo è molto diverso. Stessa cosa vale per il Giappone, dove il volley è seguitissimo: ovviamente alle Olimpiadi c’erano tutti gli sport ma vedevi gli steward e i volontari che erano entusiasti di conoscere noi atleti della pallavolo, chiederci foto e autografi, ci vedevano come atleti di spicco rispetto all’Italia dove comunque è uno sport secondario“.

Il Master permette agli studenti iscritti di approfondire progetti reali con alcuni tra i maggiori professionisti nel panorama dello sport italiano. Tra questi hanno presenziato anche Gennari e Galassi, giocatori delle prime squadre del Consorzio Vero Volley, in qualità di testimonial d’eccezione; gli atleti sono intervenuti alla lezione dal titolo “Le infrastrutture sportive: un ecosistema complesso e aperto: visione di insieme di gestione di infrastruttura sportiva in ottica cliente centrico“.
La sessione online è stata moderata da Andrea Boaretto, Adjunct Professor of Multichannel Marketing al MIP School of Management, nonché CEO di Personalive, società di consulenza partner del Consorzio, in cui segue i progetti di innovazione, con la partecipazione del Prof. Emilio Faroldi, Prorettore del Politecnico di Milano e Direttore del Master.

Il Master ha l’obiettivo di formare giovani neolaureati desiderosi di inserirsi nel mondo dello sport oppure professionisti che vogliono accelerare la propria carriera specializzando il proprio profilo nell’ambito della gestione e progettazione delle infrastrutture sportive.

CONDIVIDI SUI SOCIAL
CONDIVIDI LA NOTIZIA SUI SOCIAL
VERO VOLLEY RINGRAZIA I PROPRI PARTNER
sponsor_202122_D

2008 – 2020 Consorzio Vero Volley

Il Consorzio Vero Volley autorizza la riproduzione totale e/o parziale dei contenuti a scopo di RECENSIONE, CONDIVISIONE ED INFORMAZIONE, inserendo la citazione obbligatoria della fonte. Privacy Policy.

P. IVA: 06315490968

RondoMuggio

Under 19 / 20 femminile

1° All: Filippina Licciardello
2° All: Stefania Fumian
Dir: Stella, Como, Del Miglio

ProVictoria

Under 14 Verde

1° All: Daniele Rossi
2° All: Debora Della Torre
Dir: Berzi Cuni, D'Amelio

ProVictoria

Under 18 F verde

1° All: Daniele Rossi
2° All: Matteo La Riccia
Ass: Davide Fossati
Dir: De Leonardis

VolleyMilano

Under 19 M

1° All: Aurelio Berrini
2° All: Davide Fossati
Dir: Provetti

VolleyMilano

Under 17 M

1° All: Aurelio Berrini
2° All: Davide Fossati
Dir: Pacoda

RondoMuggio

Under 16 femminile

1° All: Stefania Fumian
2° All: Filippina Licciardello
Dir: Coscia, Scorrano

Viscontini

Under 11 F blu

1° All: Beatrice Merighi
2° All: Giulia Gorla

ProVictoria

Under 14 Vero Volley

1° All: Federico Belloni
2° All: Valeria Pellegrini
Dir: Benanti, Poloni

ProVictoria

Under 16 / Serie D F Vero Volley

1° All: Federico Belloni
2° All: Valeria Pellegrini
Dir: Benanti

ProVictoria

Under 16 Bianca

1° All: Michela Ghiotto
2° All: Alessio Castellano
Dir: Cattaneo

VolleyMilano

Under 13 M

1° All: Alessandro Gobbato
2° All: Massimo Tadini
Dir: Cirrincione, Prata

Viscontini

Under 16 F blu

1° All: Lazzaro Gaetano
2° All: Marco Tarantino
Dir: Casiraghi

Viscontini

Under 18 F blu

1° All: Lazzaro Gaetano
2° All: Marco Tarantino
Dir: Capezzuto

ProVictoria

Under 18 / Serie B2 Vero Volley

1° All: Angelo Robbiati
2° All: Valeria Redaelli
Ass: Mara Riazzola
Scout: Michele Lucherini
Dir: Galimberti, Maffiolini

ProVictoria

Under 13 F verde

1° All: Matteo Cazzaniga
Dir: De Lorenzi, Riva

ProVictoria

Under 16 / Serie C F Vero Volley

1° All: Angelo Robbiati
2° All: Mattia Zulian
Ass: Mara Riazzola
Scout: Michele Lucherini
Dir: Rossi, Maffiolini

ProVictoria

Under 13 F Bianca

1° All: Valeria Redaelli
Dir: Spoto

ProVictoria

Under 12 F verde

1° All: Debora Della Torre
Dir: Barni, Perego, Colombo

VolleyMilano

Under 15 / 17 M VERO VOLLEY

All: Marchetti - Del Federico
2° All: Alessandro Gobbato
Ass: Alessandro Gravagna
Dir: Labarile, Barna, Costi

VolleyMilano

Under 17 M Volley Milano Plus

AvisCernusco

1° Divisione maschile

1° All: Stefano Ricci
Dir: Tenca, Calcaterra, Conton

Viscontini

Under 16 / 1° Divisione F Vero Volley

1° All: Carlo Mariotti
2° All: Roberto Cocchi
Dir: Cirillo

VolleyMilano

Under 12 M

1° All: Franca Schenone
Dir: Delogu

Viscontini

Under 12 F gialla

1° All: Franca Schenone
2° All: Giulia Cajano
Ass: Franco Lionetti

Viscontini

Under 16 F gialla

1° All: Franca Schenone
2° All: Giulia Cajano
Ass: Franco Lionetti
Dir: Federico Polvara

Viscontini

Under 13 F

1° All: Carlo Mariotti
2° All: Roberto Cocchi
Dir: Bitti, Casadio, Orlando

Viscontini

Under 12 F

Viscontini

Under 18 / Serie D F VERO VOLLEY

1° All: Carlo Mariotti
2° All: Roberto Cocchi
Dir: Gaviraghi, Palvarini

Viscontini

Under 16 F azzurra

1° All: Marco Bernabeo
2° All: Giulia Gorla
Ass: Franco Lionetti
Dir: Carbutti

VolleyMilano

Under 19 / Serie B M Vero Volley

1° All: Mauro Marchetti
2° All: Stefano Colombi
Ass: Massimiliano Sidoli
Dir: Volpi

AvisCernusco

Under 12 M

1° All: Marco Marchisio
Dir: Florio

Viscontini

Under 14 F blu

1° All: Giulia Gorla
2° All: Marco Bernabeo
Ass: Franco Lionetti
Dir: Calderoni

VolleyMilano

Under 17 / Serie D M Vero Volley

All: Marchetti - Del Federico
2° All: Gabriele Bianco
Ass: Massimiliano Sidoli
Dir: Picchio, Brienza

VolleyMilano

Under 15 M

1° All: Alessandro Gobbato
2° All: Massimo Tadini
Ass: Alessandro Gravagna
Dir: La Macchia

AvisCernusco

Under 17 M Blu

1° All: Stefano Ricci
2° All: Marco Conton
Dir: Bosco M., Bosco G., Gheza

AvisCernusco

Under 17 M Gialla

1° All: Jakub Lasko
Dir: Mariani, Cocchia, Isella

AvisCernusco

Under 15 M

1° All: Jakub Lasko
Dir: Stracuzzi, Ticozzi

AvisCernusco

Under 13 M

1° All: Jakub Lasko
Dir: Mariani, Paladini

RondoMuggio

Under 18 femminile

1° All: Alteo Franchin
2° All: Filippina Licciardello
Dir: De Luca, Gatti